20 Nov 2019
Home / Posts Tagged "mostra"

Al Museo Capitolare del Duomo di Terni va in scena la mostra per i centodieci anni del Futurismo 1909-1919 a cura di Domenico Cialfi. La mostra intende ricordare il movimento artistico e culturale del Futurismo che influenzò l’arte, la vita, la cultura, la letteratura, l’editoria di un certo periodo storico dell’Italia dell’inizio 900. L’esposizione sarà composta da una serie di opere, di immagini, di documenti del futurismo ed altro, anche inediti.

QUI le informazioni.

In un vivace dialogo di continuità e contrasto con le collezioni di arti decorative dei Musei Lungarotti, il MUVIT e il MOO aprono aprono le porte alla mostra dell’artista perugino Massimiliano MaMo Donnari.
Il percorso annovera ben 16 opere dislocate tra le sale dei due musei e si articola sul filo dell’ironia e dell’immaginazione. Si parte dal MUVIT, da Space General E.T. sorvolante sulle antiche anfore vinarie – opera da cui è tratto Wine General, immagine ufficiale della mostra nonché soggetto privilegiato per l’etichetta in edizione limitata di Rubesco Magnum 2017 – alla Fashion Queen che sovrintende alla vinificazione, passando attraverso il genio di Leonardo con Leo e U.S.A. La Gioconda. Il percorso prosegue al MOO dove ai Beatles (Abbey Road), Il Perugino e Louis Armstrong fanno eco i tre Generali (GeneraLEGO, Il generale della musica 2.0, Generale Chili Pepper) “mimetizzati” tra le macine olearie e Il Pirata emblematicamente esposto accanto della nave oneraria con carico oleario.

QUI le informazioni.

La mostra vuole evidenziare, attraverso foto e versi, come le donne vedono altre donne e le loro molteplici sfaccettature al femminile. Si vuole, altresì, mettere in risalto la dolcezza, la bellezza e la centralità sociale delle donne, aborrendo ogni forma di violenza.

QUI le informazioni.

Il POST riaprirà finalmente le sue porte al pubblico con l’inaugurazione della nuova mostra sensoriale interattiva Un inverno bestiale. Strategie animali per sopravvivere al freddo, esposizione sostenuta dal Comune di Perugia e patrocinata dalla Regione dell’Umbria e dalla Provincia di Perugia. Il percorso è stato realizzato con la preziosa collaborazione della Galleria di Storia Naturale di Casalina del CAMS – Centro di Ateneo per i Musei Scientifici Università degli Studi di Perugia che, oltre alla consulenza scientifica, ha fornito gli animali che saranno in esposizione, svolgendo così un ruolo fondamentale nel riallestimento degli spazi museali.

E’ Gianni Dessì, artista già Presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca di Roma, l’ospite speciale che dialogherà con il curatore Paolo Nardon nel prossimo incontro indimenticabile che si tiene domani 29 ottobre, alle 17.30, a Palazzo Baldeschi al Corso. Si tratta dell’ultimo appuntamento del programma di visite d’autore organizzato dalla Fondazione CariPerugia Arte nell’ambito della mostra d’arte contemporanea Unforgettable Umbria.

QUI le informazioni.

Giovedì 31 ottobre alle ore 18:30, presso il Centro per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi, sarà presentata una ampia mostra personale di Sauro Cardinali. Nelle sale del museo si intrecceranno secondo nessi ideali e richiami eterogenei lavori di diversi periodi dell’artista. Suggestioni del passato si misceleranno così a nuove ispirazioni in un dialogo serrato e seducente. Affinità formali e continuità degli spunti ideativi – insieme a una straordinaria coerenza riflessiva – tessono la trama della carriera di Cardinali artista e docente d’accademia.

QUI le informazioni.

Il 10 ottobre di 2000 anni fa moriva il generale romano Germanico. Amelia celebra questo bimillenario con la mostra installazione Germanico Cesare… a un passo dall’impero, visitabile presso il Museo Archeologico dal 10 ottobre 2019 al 31 gennaio 2020. La mostra è stata realizzata su progetto di Marcello Barbanera, per rendere memoria ad un grande personaggio della storia romana.
Amelia ospita l’unica statua bronzea del generale romano Germanico giunta fino a noi. La mostra presenta in un contesto teatrale, attraverso una sequenza di installazioni digitali, i successi ed infine la morte di Germanico. Sono affrontati anche i temi riguardanti le relazioni all’interno della famiglia giulio-claudia.

Passignano ospita la mostra L’amore ai tempi del collodio. Antichi arti e mestieri del Trasimeno nella foto al collodio umido, allestita nei locali della Rocca Medievale. La mostra è itinerante ed è già stata ospitata in altri comuni lacustri avendo avuto come abbrivio iniziale il 2018 presso il Museo della Pesca e del Trasimeno di San Feliciano.
Marco Pareti è l’ideatore dell’iniziativa, Rosanna Milone, ha contribuito all’organizzazione e progettazione iniziale e Stefano Fasi, fotografo digitale professionista che si è appassionato alla tecnica del collodio umido.

Il complesso di San Pietro di Perugia schiude ancora una volta i suoi battenti per ospitare un nuovo evento di eccezionale rilevanza, confermando la sua vocazione di polo aggregante per attività culturali di altissimo profilo. Con la mostra Arcadia e Grand Tour. Paesaggi di Alessio De Marchis nella collezione Aldo Poggi, che aprirà al pubblico domenica 29 settembre 2019.

QUI le informazioni.

  • 1